Canova e Thorvaldsen a Milano

Una mostra che mette a confronto l’opera dei due artisti alle Gallerie d’Italia e una dedicata ai ritratti di Canova alla Gam: il percorso milanese per scoprire capolavori immortali della scultura

 

Canova, Le tre Grazie, foto di Lorena Bruno

Si sono entrambi misurati sui temi della mitologia, hanno rivaleggiato a Roma tra Settecento e Ottocento, definendo la perfezione, la grazia e, a detta di alcuni, il superamento dei modelli greci, ma le loro opere non erano mai state accostate le une alle altre in una mostra. Alle Gallerie d’Italia fino al 15 marzo è possibile scoprire con i propri occhi cosa li accomuna e in cosa invece si discostano le loro interpretazioni. La mostra, curata da Fernando Mazzocca e Stefano Grandesso, racconta in modo efficace i temi affrontati dai due artisti, la committenza, i loro studi romani e la fortuna delle opere, insieme al modo in cui i contemporanei percepirono la loro arte. È impossibile uscire da quelle sale senza aver provato meraviglia e senza aver imparato molto su entrambi.

Il salone centrale, foto di Lorena Bruno

Le Grazie, Venere, Amore e Psiche, Ebe: i temi del confronto

Continua a leggere “Canova e Thorvaldsen a Milano”

Due giorni con Massimo Carlotto

image

I miei due giorni con Massimo Carlotto. Nel senso che l’ho seguito prima all’aperitivo con autore organizzato dalle Edizioni e/o e poi al reading a Libri Come all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Nel frattempo leggevo il suo ultimo libro, Il mondo non mi deve nulla. Confesso che non l’avevo mai letto, il noir non ha mai conquistato la mia curiosità, ma questi aperitivi sono così piacevoli che ho pensato di andare, con la scusa di curare il live tweet per Critica Letteraria. Ho passato una serata molto piacevole, Carlotto è veramente interessante da ascoltare, ho tweettato come una pazza, e di contenuto. Alla fine me lo hanno presentato e io non sapevo cosa dire, perché non conosco né il noir né i suoi libri. E’ molto gentile. Continua a leggere “Due giorni con Massimo Carlotto”