Effetti collaterali della correzione di bozze

correzioni

Dopo aver corretto bozze per un po’ mi sento di trarre certe conclusioni.

La scrittura «pò» al posto di «po’» è un male che affligge pure i giornalisti delle più importanti testate italiane. Pagati.

L’apostrofo dritto può causare tic nervosi e spasmi nel correttore di bozze.

«La casta dei letterati, tradizionalisti e parrucconi» (cit. Andrea Cortellessa) è stranamente immune da certi errori.

E’, al posto di È, secondo studi scientifici, è un male curabile se non ci si lascia sopraffare dalla pigrizia.

Continua a leggere “Effetti collaterali della correzione di bozze”

Annunci

Fuga

shampo

Leggi, indaga, edita; attenta al giro del testo, ché qui ci sono quattro “a capo” consecutivi. Impagina, crea i fogli di stile e poi sintetizza in punti chiave quest’altro libro, cosa diceva Calvino nel capitolo delle Lezioni americane dedicato all’esattezza? Com’è organizzato un gruppo editoriale, perché il premio Strega è sempre appannaggio delle solite case editrici, guarda, Cortellessa ha intervistato tutte le firme di cui leggi gli articoli, sarà giusto abbracciare il suo punto di vista? Qual è il confine sottile tra la correzione di bozze e l’editing? Leggi, sintetizza, a chi somiglia quest’autore? Ha uno stile paratattico o ipotattico? Come procede la struttura narrativa? E la tensione è alta o bassa? L’autore vale o no? Se qui hai messo i caporali, allora vanno pure là.  Leggi, correggi, sintetizza, impagina, edita.

Vorrei che fosse sempre così.

Casa Editoria

proof

Il lavoro sul testo non è facile. Più rognoso di quanto mi aspettassi, in verità, ma mi rilassa lo stesso. Districarsi tra norme redazionali di questa o di quella casa editrice vuol dire imparare nuove forme di espressione, nuove interpretazioni del dialogo. Per chi progetta case o lavora la terra possono sembrare futilità, ma chi ha concepito sempre e solo la matematica della sintassi italiana può capire come sia facile rifugiarsi, crogiolarsi nella correzione dell’errore, nella dicitura giusta, nella scrittura corretta. È una forma di equilibrio che piace a chi vive a soqquadro.

Continua a leggere “Casa Editoria”